Crea sito

La distribuzione della materia scura su scale cosmologiche più grandi

L’immagine mostra come la materia scura si distribuisce nello spazio in una sorta di rete cosmica gigantesca (le regioni più dense in bianco) alternata da zone vuote (più scure nell’immagine).
Credit: Van Waerbeke, Heymans e CFHTLens collaboration.

Grazie ad una collaborazione scientifica tra le Università del British Columbia e quella di Edinburgo, un gruppo di astronomi hanno presentato i risultati della loro ricerca al 219° meeting dell’American Astronomical Society mostrando la ‘prima mappa’ della distribuzione di materia scura su scale cosmologiche più grandi rispetto a quelle ottenute in precedenza. I dati confermano che l’Universo è come riempito di una sorta di ‘rete cosmica’ alquanto intricata costituita essenzialmente di materia scura che funge da scheletro sul quale le galassie sono, per così dire, ancorate. Gli scienziati, guidati da Van Waerbeke dell’University of British Columbia, in Canada, e Catherine Heymans dell’University of Edinburgh, in Scozia, hanno analizzato le immagini di circa 10 milioni di galassie esplorando quattro regioni diverse del cielo, studiando gli effetti della distorsione della luce che è soggetta all’effetto della lente gravitazionale quando passa attraverso le enormi distribuzioni di materia scura. La survey, denominata Canada-France-Hawaii Telescope Lensing Survey (CFHTLenS), è in corso da oltre cinque anni e fino ad oggi ha permesso di raccogliere la luce di galassie distanti osservate quando l’Universo aveva una età di circa 6 miliardi di anni.

[Press release: Astronomers reach new frontiers of dark matter]

Argomenti correlati

galassie | lente gravitazionale | materia scura | survey

Post correlati

Ti può anche interessare ...