Crea sito

La fine di un pianeta distrutto dalla sua stella

Gli astronomi hanno trovato la prima evidenza di ciò che accadrà ai pianeti più interni del nostro Sistema Solare: la distruzione di un pianeta da parte della sua stella. Le osservazioni indicano che il processo è iniziato proprio quando la stella ha cominciato ad espandersi diventando una gigante rossa, analogamente a quanto succederà al Sole tra cinque miliardi di anni. Il gruppo di ricercatori è stato guidato da Alexander Wolszczan, Evan Pugh Professor of Astronomy and Astrophysics at Penn State University che è stato l’astronomo a scoprire il primo pianeta extrasolare.

La scoperta è avvenuta grazie ad una serie di osservazioni condotte mediante il Hobby-Eberly Telescope che avevano lo scopo di analizzare la gigante rossa, denominata con la sigla BD+48 740, e di cercare eventuali pianeti in orbita attorno alla stella. I dati indicano la presenza nella stella di una composizione chimica peculiare e l’insolita orbita ellittica di un pianeta massiccio, almeno 1,6 volte Giove, che ancora sopravvive. L’analisi spettroscopica indica la presenza di una notevole quantità di litio, un elemento raro che è stato creato subito dopo il Big Bang. Il litio viene facilmente distrutto nelle stelle e perciò è proprio la sua abbondanza che risulta anomala. Tuttavia, gli astrofisici teorici hanno identificato pochi processi fisici, a parte il Big Bang, in cui il litio può essere creato nelle stelle. Nel caso di BD+48 740 è probabile che la sua elevata produzione sia stata incrementata grazie alla presenza di materia delle dimensioni di un pianeta che dopo aver spiraleggiato verso la stella ha riscaldato l’elemento litio mentre la stella lo stava processando. L’altra peculiarità di questo sistema è la presenza di un pianeta massiccio che segue un orbita estremamente ellittica, leggermente più allungata rispetto a quella di Marte nel punto più vicino alla stella e decisamente più estesa nel punto più lontano. Queste orbite sono insolite soprattutto nei sistemi planetari dove la stella si trova in una fase di evoluzione e perciò l’orbita di questo pianeta rimane al momento la più ellittica mai osservata. Gli scienziati ritengono che il pianeta vittima della stella abbia dato, per così dire, una spinta gravitazionale al pianeta sopravvissuto prima di ‘cadere’ verso la stella portandolo così in un’orbita eccentrica come la traiettoria descritta da un boomerang.

ArXiv: BD+48 740 – Li overabundant giant star with a planet. A case of recent engulfment?

Argomenti correlati

big bang | evoluzione stellare | gigante rossa | litio | pianeti extrasolari | sistema solare | sole

Post correlati

Ti può anche interessare ...