Crea sito

Stelle massicce come ‘trottole’ primordiali

L’immagine mostra una simulazione al computer relativa alla formazione delle prime stelle in rapida rotazione.
Credits: A. Stacy, University of Texas

Secondo uno studio sull’evoluzione stellare delle stelle di grande massa, le ‘prime’ stelle che popolarono l’Universo non furono solamente immense ma, probabilmente, esse ruotarono molto velocemente. Queste stelle primordiali si sono esaurite molto tempo fa ma gli astronomi sono in grado di capire come si presentavano andando a studiare le generazioni stellari successive.

Un gruppo di ricercatori, guidati da Cristina Chiappini dell’Astrophysical Institute di Potsdam in Germania e INAF, hanno riesaminato i dati del Very Large Telescope di un ammasso stellare vecchio di circa 12 miliardi di anni. Essi hanno trovato livelli elevati di metalli, un segnale che indica che si tratta di popolazioni molto antiche di stelle, addirittura, forse, tra le ‘prime’ ad apparire nell’Universo, e i dati suggeriscono che si trattava di stelle massicce che ruotavano molto rapidamente. Questi risultati sono importanti perchè una stella che ruota velocemente vive più a lungo e può avere un destino diverso rispetto alle stelle che ruotano, invece, più lentamente. Ora, secondo il modello cosmologico standard, circa 200 milioni di anni dopo il Big Bang si formavano le ‘prime’ stelle, che erano costituite principalmente di idrogeno ed elio e che vissero una vita molto breve, esaurendosi in giovane età. Raggiunte le fasi finali della loro evoluzione, esse esplosero dando luogo a supernovae rendendo così lo spazio ricco di elementi base da cui si crearono, successivamente, le future stelle. Ma se le prime stelle furono delle vere e proprie “centrifughe stellari” alcune di loro si esaurirono producendo un gamma-ray burst e la cui radiazione potrebbe essere rivelata oggi dai satelliti come Swift.

[Abstract: Imprints of fast-rotating massive stars in the Galactic Bulge]

Argomenti correlati

cosmologia standard | evoluzione stellare | gamma-ray burst | stelle massicce | supernovae

Post correlati

Ti può anche interessare ...